Monica Priore

  • By aniad
  • 18 febbraio, 2015
  • Commenti disabilitati su Monica Priore

Curriculum vitae

monica_prioreMonica Priore nata il 04/02/1976 a Mesagne (BR) ed ivi residente, prima bambina diabetica del Centro Antidiabetico di Brindisi, la malattia le viene diagnosticata nell’Agosto del 1981 da subito trattata con multi iniezioni di insulina.
Da sempre appassionata di sport ha trovato la sua forza nel nuoto, dal 2004 è entrata a far parte della squadra master dell’A.S.D. Sottosopra Brindisi, incominciando così il suo percorso agonistico fatto di medaglie e spesso di amare delusioni, scaturite dalla difficoltà spesso incontrata nella gestione della malattia. Ma grazie all’Aniad che gli ha dato la possibilità di conoscere altri atleti diabetici con i quali raffrontarsi, ai suoi allenatori ed a tutti coloro che hanno sempre creduto in lei, Monica domenica 11 marzo, ai campionati regionali master tenutisi presso la piscina comunale di Trepuzzi, è salita sul podio guadagnando un meritato 3° posto nella gara dei 200 metri stile libero, categoria M30.
Monica, 31 anni compiuti lo scorso 4 febbraio, continua instancabilmente la sua sana competizione contro i limiti imposti dalla malattia e dalla società, contro i propri record sportivi (oltre al 3° posto domenica Monica ha anche abbattuto il proprio record personale di ben 13 sec), e contro diverse atlete provenienti un po’ da tutta la Puglia che, con lei, condividono la passione per lo sport ma non il suo “problema”. Quella medaglia è la giusta moneta con cui Monica vede ripagate le fatiche dei duri e costanti allenamenti, i sacrifici legati alle limitazioni che un’alimentazione corretta e la sua terapia insulinica le impongono e ultimo, ma non in ordine di importanza, la sua incrollabile forza di volontà.
Da circa 5 mesi l’atleta è anche diventata testimonial della casa farmaceutica “Novo Nordisk” che nel mese di settembre del 2006 le aveva corrisposto, assieme all’A.N.I.A.D.(associazione nazionale italiana atleti diabetici), un riconoscimento alla carriera sportiva come atleta diabetica e che oggi le permette di sfoggiare, sui propri capi da gara, lo slogan “changing diabetes” (slogan di una campagna di sensibilizzazione promossa dalla stessa casa farmaceutica e che pochi giorni fa ha prestato il nome ad un importante forum a livello mondiale tenutosi a New York).
Ora Monica avendo acquisito la consapevolezza, che la malattia può essere gestita in maniera ottimale anche durante i duri allenamenti ma soprattutto durante l’attività agonistica, ha il solo obbiettivo di portare a termine il suo progetto, ovvero la traversata a nuoto dello Stretto di Messina, che dovrebbe avvenire nel mese di Luglio.
Nel frattempo continuano i suoi allenamenti e le competizioni alle quali parteciperà, la prossima avverrà Domenica 15 aprile ’07 “4° trofeo della Città di Bitonto”, dove spera di battere nuovamente i suoi record personali.


 

La sua ultima impresa Lo stretto di Messina

21 luglio 2007

m.priore2Ore 9:20 si parte, l’adrenalina è alle stelle e la tensione anche, mi butto in acqua e comincio a nuotare i primi 400 mt li faccio in maniera scoordinata, non riuscivo a trovare il mio ritmo, cominciavo a pensare di non farcela…. Ma lungo il tragitto ho pensato a tutti i sacrifici fatti quest’anno per prepararmi per questa impresa, a tutte le persone che credevano in me e che mi hanno sostenuta, a tutte quelle persone che mi attendevano sull’altra sfonda e con questi pensieri ho cominciato a nuotare come so fare, ho preso il mio ritmo è l’ho portato sino alla fine.
Durante il tragitto mi son fermata circa 6 volte per bere, 2 per effettuare un controllo glicemico e per fare l’insulina, devo ringraziare il Dott. Corigliano che era sulla barca d’appoggio e che ha seguito con entusiasmo tutta la traversata.


Ho effettuato circa 4,5 km di traversata in un ora e quaranta ma sinceramente nonostante le correnti e le meduse incontrate m.priore1non mi sono pesati affatto. Arrivati sulla sfonda Calabra ho ricevuto un accoglienza eccezionale persino la capitaneria di porto e la polizia municipale che mi hanno seguito durante il percorso hanno suonato le loro sirene per festeggiare il mio arrivo.

La gioia che ho provato è indescrivibile, non ci sono parole per farlo, vorrei tanto ringraziare chi mi ha supportata in questa mia impresa: ANIAD, Novonordisk, FAND, il mio allenatore Davide Perez, i miei genitori e mio fratello e tutti coloro che ho avuto modo di incontrare in questi mesi di duri allenamenti e che hanno sempre creduto in me.

m.priore3A prescindere dall’esito positivo della traversata, il mio obbiettivo era quello di arrivare nelle case degli italiani per poter gridare che un diabetico può fare tutto, può condurre una vita normale, basta crederci… E nella speranza che la mia impresa,possa essere un piccolo contributo a far cambiare la mentalità sulla vita del diabetico, abbraccio tutti con affetto e vi dico di crederci sempre….

 Monica Priore campionessa di umiltà

L’atleta diabetica Monica Priore è rientrata domenica sera nella sua Mesagne dopo aver attraversato a nuoto lo stretto di Messina. Stanca per l’impresa svolta ma felice per avere dimostrato a tutti che si può essere vincenti anche in presenza di una malattia. E lunedì mattina è andata a lavorare regolarmente, svolge la professione di impiegata in una azienda edile, dimenticando la notorietà nazionale ricevuta per aver portato a termine una impresa piuttosto ardua.

Monica come ti senti dopo aver svolto una impresa da record per una atleta che da anni convive con il diabete. “Stanca per l’attraversata ma sicuramente emozionata per l’inaspettata notorietà che l’impresa mi ha data. Debbo dire con franchezza che non mi aspettavo tanto calore umano da parte di gente che nemmeno conosco ma che mi fa piacere sentire. Tra questi anche il sindaco di Mesagne, Vincenzo Incalza, il quale dopo aver appreso la notizia dell’avvenuta attraversata mi ha telefonato per farmi i suoi auguri. Mi ha invitata in Municipio perché mi vuole conoscere personalmente. Tante anche le testimonianze di affetto giunte dalla gente comune che sicuramente mi fanno piacere e danno forza al mio progetto”. C’ stato un momento in cui ti ei sentita solo ed hai creduto di non farcela? “No. Credetemi ho sempre sentito intorno a me la solidarietà della gente e il calore di tutti. Tra i primi i miei genitori che non mi hanno mollato un attimo. Papà all’inizio del mio progetto era molto titubante, ha fatto di tutto per scoraggiarmi. Questo naturalmente per il mio bene. Ma davanti alla mia caparbietà e decisione debbo dir che è stato il mio primo tifoso. Non si è mosso dalla barca di appoggio e mi ha incoraggiata lungo tutto il tragitto. Grazie veramente di cuore a loro ed al mio preparatore atletico, Davide Perez, che non ha lasciato nulla al caso curando una preparazione tecnica nei minimi particolari. Un grazie anche al dottore Gerardo Corigliano, presidente nazionale dell’Aniad, ed alla casa farmaceutica Novo Nordisk senza il cui apporto professionale difficilmente avrei potuto portare a termine l’impresa”. Ma qual è il messaggio che vuoi lanciare con questa impresa sportiva. “Approfitto di queste ore di notorietà per entrare nelle case della gente e dire semplicemente che il messaggio di questa impresa è un messaggio di speranza per coloro che da anni sono ammalati di diabete e si chiudono nella malattia. Questo è sbagliato perché il diabete è una malattia con la quale si convive e la si controlla. L’impresa sportiva, improponibile ai diabetici, dimostra come invece è possibile per i diabetici fare sport anche a livello agonistico. Inoltre la presenza all’arrivo in Calabria degli atleti diabetici è una dimostrazione di volontà. Se ce l’ho fatta io ce la possono fare tutti”.

Un delfino dolce ma dalla volontà di ferro, più forte del diabete

Sfidando un mare molto mosso e un forte vento di maestrale  Monica e’ stata per un giorno la reginetta del golfo di Napoli. La sua impresa di nuotare per oltre 20 km da Capri a Meta di Sorrento e’ riuscita in pieno. Il suo messaggio di gridare forte “con il diabete ce la puoi fare” destinato a tutti coloro che hanno questa patologia e magari pensano di non riuscire a controllarla e gestirla ,e’ rimbalzato su giornali e TV regionali e Nazionali. Circa sette ore di nuoto ininterrotto e poi il meritato tributo di centinaia di amici e supporter ,ma anche della gente comune coinvolta come d’incanto nell’entusiasmo generale. Questa impresa e’ costata a Monica mesi di duro allenamento affrontati con impegno e serietà.

A Monica, alla sua famiglia, a tutti coloro che la hanno supportata in questo evento in primis  al suo allenatore Davide gli auguri sinceri dell’ANIAD e dei suoi rappresentanti Carmen, Gianpiero, Roberto, Gerardo , Carmine che sono stati ,come tutti in trepida attesa nello scrutarti all’orizzonte delle acque del golfo.

articolo

Articolo

I commenti sono chiusi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: